Bando XV ed.

Opere concorenti

Scarica il bando
in formato .pdf

Scarica Acrobat Reader

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inizio pagina

 

Comune di Camerino
Centro Studi Teatrali e Letterari Ugo Betti

Premio Ugo Betti per la drammaturgia XV edizione
con l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica
e con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Macerata
dell’Università degli Studi di Camerino e
dell’Università degli Studi di Macerata

Vincitore sezione "Drammaturgia"

L'EQUIVALENTE DELLA VERITÀ
di Fausto Gentili – Foligno (PG)

Fausto Gentili
Fausto Gentili

Con consapevolezza delle diverse funzioni del testo teatrale, sperimentando attorno ai limiti della drammaturgia odierna, l’autore usa il genere noir per raccontare un delitto politico dei tempi della guerra fredda, ambientandolo in una provincia italiana archetipica. Assunto il canone narrativo del monologo raddoppiandolo e scomponendolo, apre una efficace possibilità nell’ottica di un teatro postdrammatico.

Assegno di 2.000 euro + Medaglia dell’Università degli Studi di Camerino e pubblicazione dell’opera nella Collana bettiana edita da Bulzoni Editore

Segnalazione speciale

DISSONORATA - UN DELITTO D'ONORE IN CALABRIA
di Saverio La Ruina – Castrovillari (CS)

Testo riconosciuto dalla giuria di grande potenza drammaturgica, Dissonorata, il cui valore è stato già premiato da altri concorsi, racconta con delicatezza e ironia di toni e profondità di sguardo la storia di una donna vittima dell’ambiente maschilista di un Sud di molti anni fa, rendendosi in un dialetto di non facile lettura metafora di situazioni di violenza ancora attuali.

Medaglia della Presidenza della Repubblica

Segnalazione

SE CI FOSSE LUCE (I MISTERI DEL "CASO MORO")
di Giancarlo Loffarelli – Sezze (LT)

Giancarlo Loffarelli
Giancarlo Loffarelli

Testo molto ben documentato e dall’avvincente ritmo drammarturgico. Se ci fosse luce è un ottimo esempio nella tradizione del teatro-inchiesta alla Peter Weiss in forma di oratorio civile che pone inquietanti interrogativi sulle molte verità non risolte del caso Moro.

Medaglia della Regione Marche

Altri finalisti

LUIGI CHE SEMPRE TI PENZA
di Gervasio (Gigi) Borruso – Palermo

Gervasio Borruso
Gervasio Borruso

Medaglia “Cane Marino” realizzata dal M° Gino Marotta

VOLEVO DIRTI
di Sabrina Petyx – Palermo

Sabrina Petyx
Sabrina Petyx

Medaglia “Cane Marino” realizzata dal M° Gino Marotta

Sezioni tesi di laurea

"IL TEATRO DI UGO BETTI: CORRUZIONE AL PALAZZO DI GIUSTIZIA" di Maria Miracapillo – Andria (BA)

Maria Miracapillo
Maria Miracapillo

Università degli Studi di Bari
Facoltà di Scienze della formazione
Corso di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione
a.a. 2005/2006
(Relatrice prof.ssa Concetta Achilli)

Per aver affrontato con attenzione i temi fondamentali del testo e per aver trattato con rigore scientifico l’analisi di uno dei capolavori del teatro di Ugo Betti, qual è “Corruzione al palazzo di giustizia”.

Assegno di 1.500 euro + Medaglia dell’Università degli Studi di Macerata

al termine della premiazione
in collaborazione con AMAT
Associazione Mimesis


DARE VOCE

Dare Voce
Dare Voce

Viaggio tra i testi finalisti del Premio Betti 2008
con Lino Guanciale, Barbara Mazzi, Mariano Pirrello
a cura di Claudio Longhi

* * * * *

Segreteria organizzativa: Settore Affari Generali - Ufficio Cultura
Tel. 0737 634754 Fax 0737 630423
e-mail: cultura@camerino.sinp.net